Parco Regionale del Conero

Vota questo articolo
(0 Voti)

comprende la costa del nord del Passetto fino al Trave, la spiaggia di Portonovo, le colline del Monte Conero, la costa del sud di Sirolo e Numana, per poi finire sulla pianura del fiume Musone.
A strapiombo sul mare offre diverse particolarità di paesaggio e panoramiche suggestive, come il belvedere nord, la Pian Grande, la Pian dei Raggetti, la baia di Portonovo e la spiaggia delle "due sorelle".
Il cuore del parco è il Monte Conero (572m) che presenta una eccezionale varietà di specie di fauna e flora, tanto da essere divenuto il primo parco della Regione Marche. Infatti, è da sempre stato rifugio naturale di specie rare di animali, basti ricordare il rondone pallido, il passero solitario e il falco pellegrino, quest’ultimo simbolo del parco. Ospiti, inoltre del parco sono il ghiro, il moscardino, la volpe, la faina, il tasso, la donnola, il riccio e l'istrice.
La flora è rappresentata per lo più dalla macchia mediterranea e quindi: l'euforbia arborescente, l'euforbia veneta e il ginepro rosso, e tante altre.
Sono previsti 18 percorsi di diverso livello di difficoltà e diversa durata (da 1h a 5 h).
Oltre al grande patrimonio naturale, il Parco del Conero offre anche numerose testimonianze artistiche, come la chiesa Santa Maria di Portonovo, San Pietro al Conero, e l'Antiquarium sulla civiltà picena a Numana.

Altro in questa categoria: Grotte di Frasassi »
Devi effettuare il login per inviare commenti