Recanati

Vota questo articolo
(0 Voti)


Si può parlare di Recanati senza citare Giacomo Leopardi, che qui nacque e visse?
La città ispirò a lungo il grande poeta con la grazia dei luoghi e la gentilezza del paesaggio, ed ancora oggi conserva come una cartolina il fascino di un tempo.
La “torre antica” del convento di Sant’Agostino. Le “quiete stanze” rallegrate dal canto di Silvia. Il nobile palazzo che ancora ospita le “sudate carte” nella biblioteca paterna. Persino il “colle dell’Infinito”. Ogni cosa a Recanati evoca suggestioni  che fanno tornare alla mente le splendide poesie di Leopardi.
Il paesino offre al visitatore anche le meraviglie di un  paesaggio splendido tra le valli del Musone e del Potenza, e lo sa incantare con la bellezza delle opere conservate in chiese e musei, tra le quali il vanto è certamente la preziosa raccolta di opere di Lorenzo Lotto nella Pinacoteca civica.

Altro in questa categoria: « Montefeltro Sibillini »
Devi effettuare il login per inviare commenti